A tavola

Ristorante Gabriele - Non ci sono dubbi: l’appetito aumenta con la classica e pura cucina romagnola. E quello che si mangia da Gabriele è – come si suol dire – a km0: coltivato, prodotto, cucinato e servito in loco. La pasta al matterello fatta a mano dalle donne di famiglia contribuisce a creare un ambiente “familiare”, caldo e saporito, accogliente e sano. “Gabriele” offre tutto questo, la cultura della buona tavola. Oltre alla classica grigliata alla brace, a seconda della stagione si offrono anche condimenti “particolari” come quello di capriolo, cinghiale, funghi porcini e tartufo (su prenotazione). Anche i dolci sono “familiari”: ciambella, scroccadenti, panna cotta. Per venire incontro alla clientela più giovane e più esigente, “Gabriele” ha introdotto nel menù i “taglieri”, carrellata di antipasti e stuzzicherei semplici e raffinate. E dopo una bella mangiata, è possibile fare una passeggiata per scoprire i segreti di una Romagna nascosta e riservata, le colline dolci e meravigliose, dipinte con sfumature romantiche dai lunghi tramonti.